Iscriviti alla nostra newsletter - Assistenza tecnica:199422456

Cos'è il tempo di risposta?

Con tempo di risposta in generale si definisce il tempo necessario ad un sistema per reagire ad una modifca esterna, in particolare per raggiungere un certo livello di tale modifica.

Parlando di un sistema con sensore, ad esempio un data logger di temperatura, il tempo di risposta del sensore di temperatura è il tempo impiegato per avvertire la modifica della temepratura cui è stato sottosposta. Lo scambio termico tra il sensore e ciò che viene misurata richiede del tempo perchè si completi ed è per questo che vi è sempre un ritardo, più o meno importante, nella rilevazione della temperatura reale in quella effettivamente mostrata dal sensore.
Il tempo di risposta in particolare è quel tempo necessario al sensore, dopo un "salto" termico (parlando di un sensore di temperatura, ad esempio), per rilevare una parte di questo "salto", cioè di questa variazione. Questa parte si esprime con una percentuale del salto e generalmente è il 90%: per questo si definisce T90. A volte vengono prese in considerazioni altre percentuali, come il 50%, e si parla di T50.
Facendo un esempio teorico, in condizioni ideali, se prendessimo un sensore di temperatura che si trova a 0°C e lo mettessimo immediatamente in un ambiente a 100°C, il T90 è il tempo che il sensore impiega per rilevare 90°C, cioè il 90% del suo salto termico da 0°C a 100°C.

Lo stesso discorso può essere ovviamente fatto per qualsiasi altro tipo di sensore: umidità, pressione ecc.

Altre faq